Gli “stasimi” di QUADILA Festival: ridere e pensare – IV edizione 2024 mirano a fidelizzare nuovi pubblici e fanno da prologo alla programmazione centrale di QUADILA, che avrà luogo a luglio; sono tappe di avvicinamento e includono anche azioni curate da Associazioni del territorio che si confrontano empaticamente con la poetica del Festival e per le quali QUADILA intende farsi amplificatore e portavoce.

QUADILA 2023 – ph. Alvise Crovato

17 aprile 2024, Torino

E UDÌI CANTO UDÌI VOCE DI POETI: DINO CAMPANA SULLA STRADA – strad-rama

20 aprile 2024, Montafia

SPAZI. Prologo a una lezione recitata su Enrica Fiandra, uno “scambio di sapere” fra un’archeologa, un attore e il pubblico, per inaugurare la raccolta di testimonianze e la scrittura di una lezione recitata dedicata a Enrica Fiandra, il cui debutto avverrà durante “QUADILA Festival: RIDERE E PENSARE – IV edizione 2024”. Presso la storica dimora di Enrica Fiandra, sede piemontese del CIRAAS – Centro Internazionale di Ricerche Archeologiche Antropologiche e Storiche; durante l’inaugurazione di una targa commemorativa nell’ambito della Giornata di studi internazionale “Ricordando Enrica | Enrica Fiandra, protagonista di ricerche archeologiche innovative e della valorizzazione del patrimonio culturale in italia e nel mondo”, a cura di CIRAAS, Università IULM, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria Asti e Cuneo, Comune di Montafia

24 aprile 2024, Torino

POTERE PENSARE E POTERE PARLARE – strad-rama

11, 18, 25 maggio 2024, Albugnano

COMITATO CREATIVO POPOLARE, con cadenza settimanale ogni sabato, giorno di mercato (in maggio 2024, h 10.00-13.00) in piazza Serra ad Albugnano: un’attrice/attore siede al “tavolo libero” sotto il portico del Comune, e cerca incontri con la popolazione per avere idee e suggerimenti sulla scelta definitiva dei “saperi” – e dei loro “depositari” – che il QUADILA Festival utilizzerà durante di SCAMBI DI SAPERE nella fase centrale (19-28 luglio 2024) e durante l’anteprima del Festival a giugno, con il laboratorio IL BUE, I SAPERI, ALBUGNANO E L’UNIVERSO.

Gli SCAMBI DI SAPERE, anche progettati tramite il Comitato Creativo Popolare, sono incontri nei quali depositarie/i di un sapere (inteso come qualunque arte, artigianato, mestiere e/o disciplina contemporaneo: dal viticoltore al pittore, al letterato…) o una conoscenza riferita a un personaggio, a un’azione, un tema particolare, la espongono pubblicamente. Sono accompagnate/i da attrici e attori che si mettono in gioco avventurosamente: interloquiscono, commentano, leggono brani a mo’ di epilogo o semplicemente ascoltano; e prendono l’impegno di stilare in seguito (mentalmente o per iscritto) il “diario di un incontro”, da cui pure si faranno condizionare nel loro lavoro futuro

14-15 giugno 2024, Albugnano

IL BUE, I SAPERI, ALBUGNANO E L’UNIVERSO – laboratorio narrativo interculturale, a cura di Diego Coscia con la collaborazione di Paolo Forsennati e la partecipazione, fra tutte/i, di Silvia Binello, Alessandra Gallo, Marco Vai; con intreccio delle lingue attualmente parlate ad Albugnano (italiano, rumeno, spagnolo e piemontese) e  con il coinvolgimento della popolazione (sviluppo dell’azione “IL BUE DIKE”), in occasione dell’annuale corsa dei buoi – esistente dal 1673 – durante la Festa Patronale primaverile dedicata a Sant’Antonio da Padova, che ha suscitato l’adesione di Albugnano al protocollo per la creazione della Rete Italiana per la Salvaguardia e Valorizzazione di “Uomini, buoi e fiori. Processioni devozionali e cerimoniali agrari”, sotto il coordinamento di Ufficio UNESCO del Ministero della Cultura.